sito ufficiale della 88a Adunata Nazionale Alpini

L'Aquila 15-16-17 maggio

Home / L’AQUILA 2015 – L’ INNO DELL’ADUNATA : PENNE NERE PER L’AQUILA

 

La musica è il simbolo dell’unione, della fratellanza, della solidarietà. Riecheggia nella storia il canto tipico degli alpini in guerra cime in tempo di pace. L’omaggio più prezioso che si potesse esprimere è l’inno “Penne nere per L’Aquila”. All’ombra del Gran Sasso tornerà a riecheggiare un Canto dedicato al Corpo che ha segnato il passo della storia e che torna all’Aquila per ridonarle fulgore, dopo “quel triste Aprile” in cui gli alpini, ancora una volta in prima linea, hanno teso la mano alla città ferita.

L’Inno dell’88^ Adunata Nazionale Alpini, musica di Roberto Molinelli su testo di Francesco Sanvitale, è eseguito dai Cameristi dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese. E’ compreso in un CD che contiene anche l’Inno di Mameli con arrangiamento per violino ed archi,  Signore delle Cime e Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.

 

Guarda la presentazione

 

Scarica il testo

 

Scarica lo spartito

 

IL TESTO DELL’INNO

“Penne nere per L’Aquila”

Da tempi ormai sognati
All’ombra del Gran Sasso
Mille e mille ragazzi
Impararono il passo
Che battea la Montagna
E che insegnava l’onor.

Ritornello
Penne Alpine, Penne Alpine

Ridoniamo all’altera città
La forza del coraggio,
La gioa e lo splendor.
Voli, voli L’Aquila
Voli L’Aquila ancora
Dall’antica città!

Ritornello
Penne Alpine, Penne Alpine

E si creò l’Italia
Mentre tra sangue e fango
Noi cantavamo in trincea.
Poi su steppe ghiacciate
Di valore armati
Forti con chi ci tradì.

Ritornello
Penne Alpine….

Ed in quel triste Aprile,
usi sempre a servire
non solamente in guerra,
fummo tra i primi noi
a recare conforto
urlando: alzati con onor!

Ritornello (facoltativo)
Penne Alpine

Oggi rechiamo speranza
Battendo uniti il passo
D’ognun la penna
Vola sull’ali della vita nuova!

 

 
Condividi questa pagina
 

Seguici sui Social Network